WiWs-Terapia-Stanislavskij-alle-bonicalzi-15

Chi sono

Con grande entusiasmo ho studiato e mi sono laureata in Filosofia. Allora era già accesa la passione per il teatro, cui mi dedicavo principalmente scrivendo in qualità di Giornalista Pubblicista. Dopo la laurea e qualche esperienza lavorativa ho intrapreso una lunga attività imprenditoriale, che ho portato avanti per quasi 15 anni, nell’ambito della Formazione e delle Risorse Umane.

Un sempre vivo interesse per l’uomo, la psiche e le sue dinamiche, mi ha portato nel 2004 ad avviare un percorso analitico con approccio junghiano. Contemporaneamente ho ampliato l’attività in ambito teatrale, iniziando una mia formazione e, in tale ambito, ho approfondito negli anni le tecniche attorali, oltre alla scrittura per la scena e alle discipline corporee a essa legate, quali la danza  e il teatrodanza.

Dopo i primi anni di studio delle arti teatrali, mi sono accostata al Metodo Stanislavskij, cominciando a scoprirne le potenzialità trasformative: crescevo come attrice, ma anche e soprattutto come individuo.

Intanto, l’indagine sull’Enneagramma e sulla Programmazione Neurolinguistica, lo studio delle teorie psicanalitiche di Jung e alcune esperienze psicodrammatiche moreniane, sono il terreno verso il quale mi sono aperta e ho proseguito la ricerca personale in ambito psicologico e analitico.

Come attrice e drammaturga, ho iniziato a lavorare in diverse produzioni sia teatrali che cinematografiche. Nel 2006 ho vinto il Premio Internazionale per la Drammaturgia “Ombra” con il testo Malena – Tre atti e qualche tango e ho proseguito con diverse stesure di testi per la scena, di racconti e poesie, editi e non.

Le mie aree d’interesse, ancora vissute come binari paralleli, hanno evidenziato nel corso degli anni sempre maggiori affinità e punti di contatto, e hanno dato vita al desiderio di trovare un terreno comune di crescita sia artistica che professionale.

A tal scopo, ho iniziato un percorso di formazione in Teatroterapia e Counseling, che ho integrato negli anni con percorsi intensivi.

Nel frattempo, iniziavo ad affiancare, come assistente, attori e registi di diverse estrazioni, che si dedicavano alla pedagogia teatrale, integrando ulteriormente le mie conoscenze e sviluppando competenze e abilità nella conduzione dei gruppi.

Ho cominciato, inoltre, a condurre, laboratori di arte terapia, dando così il via a una sperimentazione metodologica sull’efficacia delle tecniche teatrali stanislavskijane in Teatroterapia.

L’assistenza pedagogica è proseguita poi nell’ambito di percorsi che utilizzavano specificatamente il Metodo Stanislavskij; e, in alcuni casi, si è evoluta in esperienze di assistenza alla regia.

A quel punto ero pronta a lasciare l’impegno nell’azienda da me fondata, per dedicarmi interamente alle passioni che stavano, anno dopo anno, dando inizio a una nuova identità professionale.

Mi sono diplomata come Teatroterapeuta e ho avviato percorsi che ho condotto sia in ambito teatrale, sia in ambito teatroterapeutico dove ho iniziato una sperimentazione dell’efficacia del metodo Stanislavskij in contesti terapeutici.

Contemporaneamente, ho dato inizio alla sperimentazione dell’efficacia del Metodo anche nel Counseling, relazione di aiuto one to one.

Il mio interesse per l’essere umano cresceva e ho intrapreso lo studio e la sperimentazione di pratiche sciamaniche che si rifanno agli studi di Michael Harner (USA), oltre ad essermi accostata alla filosofia Ifa di origine afro-brasiliana legata alla tradizione degli Orixà.

Sono Socia Fondatrice e VicePresidente di APIT (Associazione Professionale Italiana Teatroterapia), Teatroterapeuta Trainer Iscritta al Registro, Counselor ad Indirizzo Espressivo-Bioenergetico.

Sono autrice del volume Terapia Stanislavskij – Studio e sperimentazione sulla ricchezza del Metodo in Teatroterapia e nel Counseling, edito nel 2015 da Armando Editore.

Ho, inoltre, intrapreso un percorso formativo presso la Libera Università dell’Autobiografia per l’approfondimento delle tecniche di scrittura autobiografica che oggi integro, oltre al teatro, nei percorsi teatro terapeutici e di counseling che conduco.